Sorge sul lato orientale della Piazza Garibaldi, già largo Carmine, inserita nel centro storico del paese. Storicamente, come scrive il Gagnola, nel 1530 la chiesa era dedicata a San Antonio Abate ed era annessa all’ attiguo convento, in realtà di modeste dimensioni. I Frati Minori Conventuali (Francescani), che vi abitavano, custodivano ed officiavano nella chiesa. Le notevoli ristrettezze dei frati non permisero di autogestire il convento e cosi essi nel 1574 furono costretti cederlo ai Carmelitani, sotto il titolo dell’ Annunziata (Santa Maria dell’ Annunziata). Da allora fu dedicata alla B.M.V. del Carmelo ed inoltre in essa vi eressero gli altari dell’ Annunziata e di San Antonio da Padova, principale protettore e patrono del paese. Perciò la chiesa era anche detta di San Antonino di lu Carminu e di San Antonio de Padua fino al tardo ‘500. Nel Settecento fu costruito il bel campanile in pietra e nel 1810, come inciso sul portale, fu rifatta l’ artistica facciata settecentesca in pietra calcarea.